Pericolo Pile

L’ingestione di batterie rappresenta una minaccia sempre più diffusa alla salute dei bambini, soprattutto sotto i 5 anni. Il continuo aumento di visite ai Pronto soccorso per questo motivo deve spingere pediatri, genitori, aziende produttrici e autorità ad attivare misure di prevenzione efficaci. L’appello arriva dalla rivista Pediatrics, che mostra -anche con una serie di foto impressionanti- i gravi danni che una batteria al litio può causare ai tessuti umani.

I ricercatori del Center for Injury Research and Policy del Nationwide Children’s Hospital di Columbus, nell’Ohio, coordinati da Samantha J. Sharpe, hanno preso in esame i dati del National Electronic Injury Surveillance System per analizzare le visite ai Pronto soccorso statunitensi tra 1990 e 2009 causate da ingestione, masticazione o inserimento nei canali uditivo e nasale di batterie. Nel periodo di tempo preso in esame, con un trend in netta crescita, ai Pronto soccorso Usa si sono presentati ben 65.788 pazienti sotto i 18 anni per una media di 3.289 visite l’anno, 4,6 visite per ogni 100.000 bambini.
Le cause sono state:

  • ingestione (76,6%)
  • inserimento nelle cavità nasali (10,2%)
  • masticazione (7,5%)
  • inserzione nelle cavità auricolari (5,7%)

Le batterie più pericolose? Decisamente quelle a bottone, responsabili dell’83,8% dei casi registrati. Ecco quello che una normalissima batteria al litio fa all’esofago o all’intestino di un bambino: lo cuoce al barbecue… ma anche di un adulto! Per dimostrarlo è sufficiente inserire una batteria in un wurstel e vedere l’effetto che fa.

battery1
battery2
battery3