26 Luglio 2008 – Anziani più sicuri col telesoccorso

In convenzione con i Volontari del Garda:
È stato ampliato il servizio di assistenza sociale a Tremosine. Attivo da anni nel Comune altogardesano, il servizio può ora contare su alcune novità, illustrate dall’Assessore Renato Cozzaglio e riprese dal notiziario comunale, in distribuzione in questi giorni.
Alcuni servizi risultano di particolare interesse, tra gli altri quello di assistenza domiciliare, nel quale le prestazioni possono essere svolte sia dalla ausiliaria socio assistenziale che dall’ infermiera. Il richiedente compartecipa al costo del servizio in base al proprio reddito: gratis fino a 8.999 euro; 3,75 euro l’ora da 9.000 a 11.499; 7,50 all’ora da 11.500 a 14.999; 11,25 da 15.0000 a 17.999; mentre oltre i 18.000 euro si pagano 15 euro all’ora.
Il servizio di assistenza domiciliare favorisce la permanenza nel proprio ambiente delle persone con problemi di autosufficienza, per cui l’obiettivo risulta quello di evitare o ritar­dare il ricovero in strutture protette. Si aggiunga il servizio di telesoccorso, in seguito alla stipula di una convenzione coi Volontari del Garda, attrezzati con apparecchiature e personale adeguato per dare assistenza 24 ore su 24.
Le persone a rischio possono segnalare una situazione di emergenza al centro di assistenza con la semplice pressione di un tasto. La spesa per l’allacciamento è di 110 euro ( a carico del Comune per chi attiverà il servizio nel 2008). La spesa mensile, da corri­spondere al Gruppo Volontari del Garda, attualmente ammontaa 28,40 euro ed è previ­sta una compartecipazione da parte del Comune in base al reddito Isee.
Quanto al servizio di trasporto per alcune categorie dì cittadini del Comune (15 frazioni distribuite da Campione, a livello del lago, a tutte le altre, in collina), il Municipio ha acquistato un’auto attrezzata per il trasporto dei disabili, che si trovino in situazione di difficoltà nel raggiungere autonomamente luoghi di diagnosi, cura e riabilitazione. Priorità, ovviamente, viene assegnata ai disabili che non abbiano familiari che li possano aiutare, oppure agli anziani. Inoltre uno sportello informativo è stato istituito per i numerosi cittadini stranieri residenti a Tremosine.
Ricordiamo che vi sono classi scolasti­che che hanno tra il 30% ed il 50% di bambini extracomunitari. Lo sportello (in collaborazione con la Comunità Montana) conta su una operatrice di lingua albanese, che lavorerà in collegamento con i servizi sociali del Comune. Altri servizi erogati dal Comune: quello di «spazio ascolto» con la psi­cologa, il coordinamento del servizio di vigilanza e decoro sulle aree verdi,-con la collabo­razione dell’Associazione nazionale Terza età. »

b.f.