22 Luglio 2008 – La Guardia costiera costretta a pattugliamenti extra.

Un tronco secolare squarciato, altre piante in mezzo alla strada, tende divelte e attimi di apprensione: l’altra sera nella zona del lago di Garda in modo particolare tra Salò e Gargnano, il maltempo ha «martellato» per una buona mezz’ora.
Prima pioggia e grandine, poi un forte vento hanno costretto ai ripari diverse persone, oltre a momenti di vera pa­ura.
A Gardone la forza degli elementi ha fatto si che il pino secolare che troneggia sulla strada che collega Gardone Sopra a Gardone Sotto finisse sradicato piombando in mezzo alla strada Lavoro per i Vigili del fuoco che hanno operato per un paio d’ore per sgomberare la strada.
Anche i Volontari del Garda sono entrati in azione a Mulino di Salò per tre alberi abbattuti che hanno colpito sette automobili: in una di esse vi erano tre persone che fortunatamente sono uscite illese dall’abitacolo.
Fortissimo, come si diceva, il vento che ha forse dato più fastidio della pioggia, per la quale comunque diverse persone hanno cercato e trovato riparo sotto alcune tettoie: in vari campeggi non sono state poche le tende che hanno letteralmente preso il volo.
E sempre domenica pomeriggio lavoro anche per la Guardia costiera di Salò e Gargnano che, a causa delle previsioni meteo pessimistiche, nel pomeriggio è uscita per richiamare tutti coloro che sì trovavano al largo, consigliando il rientro. Un intervento importante, tant’è vero che nella serata non si sono registrate chiamate. Per il vento ieri mattina invece doppia uscita di recupero per due surfisti nella zona di Malcesine. »