28 febbraio 2008 – Salò richieste autentiche

Salò – Sospetti legittimi e comprensibili, ma questa volta infondati. Sono quelli manifestati dalle numerose persone che nei giorni scorsi hanno telefonato ai Volontari del Garda per verificare se il bollettino postale per la raccolta di donazioni, diffuso nei giorni scorsi, fosse autentico o meno. Sospetti comprensibili, dicevamo, visto che già in passato “falsi Volontari” del Garda avevano estorto offerte in denaro, prendendo soprattutto di mira le persone anziane.Stavolta, però, si tratta di una richiesta autentica, come precisa Bruno Bordignon, membro del direttivo del gruppo di protezione civile: «Quelle lettere sono state effettivamente spedite dai Volontari del Garda. È bene comunque verificare il numero del conto corrente postale, qualora si intenda versare un contributo.
Il numero corretto è il seguente: c/c n. 13610359, intestato a Gruppo Volontari del Garda Onlus».
La richiesta di aiuti economici rivolta alla cittadinanza di Salò e dintorni è moti­vata dai costanti e cre­scenti investimenti che i volontari effettuano per aggiornare mezzi e professionalità.
«Le evoluzioni sui pro­tocolli di soccorso – scrive il presidente del gruppo, Gianfranco Rodella – ci obbligano a continui corsi (li formazione ed esercitazioni, indispen­sabili per intervenire nelle emergenze con professionalità».
E aggiunge: «i limitati contributi non sono sufficienti per affrontare gli impegni che, costantemente, condizioneranno gli anni futuri». Rodella conclude con un sollecito alla collaborazione: «Invitiamo coloro che dispongono di tempo libe­ro di unirsi a noi e contattare la nostra sede allo 0365.43633».
(s. b.)